Uno studio europeo sull’assistenza domiciliare

Comunicato stampa congiunto EFFAT – EFFE – FEIS – UNI-Europa
L’indagine più ampia mai condotta rileva che le basse retribuzioni rendono “insostenibile” il settore europeo dell’assistenza domestica e domiciliare.
Bruxelles, 22 maggio 2024
Secondo un nuovo sondaggio a livello europeo pubblicato oggi, le condizioni di lavoro dei lavoratori domestici e dell’assistenza domiciliare in tutta Europa non sono sostenibili .
La maggior parte dei lavoratori intervistati (56,9%) ha dichiarato che non sarà in grado di svolgere il proprio lavoro fino all’età pensionabile , mentre il 59,9% degli intervistati – il 96% dei quali sono donne – ha affermato di aver preso in considerazione l’idea di lasciare il settore negli ultimi tre anni. , due terzi di loro (67,5%) a causa della bassa retribuzione. Come ha testimoniato un lavoratore slovacco: “Andrai in pensione solo con il burnout. È un peccato perché questo lavoro mi piace, ma dopo 18 anni adesso basta. Sto uscendo.” Ciò è particolarmente preoccupante data la crisi demografica dell’Europa, con la percentuale della popolazione over 65 che si prevede aumenterà da un quinto a un terzo entro il 2050.
L’indagine suggerisce che il dialogo sociale e la contrattazione collettiva a livello europeo devono essere rafforzati per migliorare le condizioni di lavoro, l’assistenza sanitaria di qualità e i servizi domestici.
L’ indagine “PHS Employment Monitor” si riferisce ai lavoratori dei servizi personali e domestici (PHS), termine ufficiale utilizzato dalla Commissione Europea.
Si tratta della più grande indagine mai realizzata in Europa nei settori SPF. Commissionato congiuntamente dalle parti sociali, dalle federazioni sindacali europee UNI Europa ed EFFAT e dalle organizzazioni dei datori di lavoro EFFE ed EFSI, l’indagine ha raccolto le risposte di oltre 6.500 lavoratori, datori di lavoro e utenti di servizi SPF provenienti da 26 paesi .
I risultati evidenziano una grave e continua crisi di carenza di manodopera e di turnover in un settore che rappresenta circa il 4% dell’occupazione totale nell’UE .
Lavoratori, datori di lavoro e utenti dei servizi o utenti-datori di lavoro vedono il settore come sottovalutato, in termini di percezione, retribuzione e finanziamenti pubblici. Come ha testimoniato un datore di lavoro del settore PHS in Francia: “Lo stipendio non è interessante, non vogliono lavorare in questo settore o quando lavorano lì, non è la priorità”.I risultati sottolineano inoltre l’importante ruolo degli utenti-datori di lavoro nei settori SPF.
La maggior parte di loro ritiene che trarrebbero vantaggio dalla rappresentanza di un’organizzazione datoriale che potrebbe negoziare gli standard minimi del settore con i sindacati. Inoltre, più della metà (60,8%) dei datori di lavoro intervistati i cui dipendenti non sono coperti da un contratto collettivo, affermano di essere disponibili a firmare un contratto collettivo .
La maggior parte degli utenti PHS che hanno risposto al sondaggio hanno affermato che preferirebbero utilizzare un’azienda o un’organizzazione che abbia un contratto collettivo con i sindacati che regola le condizioni di lavoro dei lavoratori PHS nelle loro case.
L’indagine mostra che i lavoratori, i datori di lavoro e molti utenti dei servizi, utenti-datori di lavoro concordano sul fatto che i settori SPF non hanno il riconoscimento pubblico e istituzionale adeguato alla loro importanza e al loro contributo alla società, aggravando così la bassa retribuzione e le cattive condizioni che spingono i lavoratori a guardare altrove . Ciò è in linea con le richieste delle parti sociali dei SPF nella loro reazione congiunta alla strategia europea per l’assistenza sanitaria.
Il mancato riconoscimento è profondamente legato anche alla mancanza di investimenti pubblici nel settore.
In questo contesto, i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro impegnati nel dialogo sociale nei settori SPF possono svolgere un ruolo cruciale: i risultati dell’indagine mostrano che esiste un ampio margine di miglioramento attraverso la contrattazione collettiva a tutti i livelli . Delinea ulteriori soluzioni che vanno dalla formalizzazione del settore agli sforzi educativi per migliorare l’immagine del lavoro SPF per lavoratori e utenti, all’aumento dei finanziamenti statali per risolvere la tensione tra prezzi elevati e bassi salari nel settore, e al miglioramento generale del lavoro e condizioni di vita.
Altri risultati chiave includono:
La maggior parte dei lavoratori del settore SPF ha riferito che il proprio lavoro è mentalmente faticoso. Tra coloro che lavorano 40 ore o meno a settimana, il 50% afferma che il proprio lavoro ha causato problemi di salute mentale come stress, ansia o burnout. 
Tra coloro che lavorano più di 40 ore settimanali, questa percentuale sale al 65,8%.
Quasi tutte le organizzazioni fornitrici di SPF intervistate (96,7%) hanno indicato di aver attuato almeno alcune misure per ridurre il turnover del lavoro .
Le misure più comuni attuate dai datori di lavoro sono gli aumenti salariali, gli sforzi per migliorare la salute mentale e il benessere dei lavoratori, l’accesso alla formazione e alle opportunità di sviluppo professionale, nonché ulteriori benefici non salariali. A questo proposito, molti hanno sottolineato che l’aumento del sostegno statale e degli investimenti pubblici è l’unica soluzione praticabile.
Pur costituendo una parte importante del settore, i lavoratori migranti SPF sperimentano un equilibrio tra lavoro e vita privata significativamente peggiore.
Il 38,2% dei lavoratori migranti SPF ha affermato che il loro lavoro non consente un buon equilibrio tra lavoro e vita privata , rispetto al 27,5% dei lavoratori non migranti che hanno affermato la stessa cosa.
Allo stesso modo, negli ultimi tre anni sono molti di più quelli che hanno preso in considerazione l’idea di abbandonare la professione.
Il 40% dei lavoratori migranti ha dovuto affrontare difficoltà amministrative legate al proprio status migratorio nel tentativo di trovare lavoro nel settore SPF. 
Le ulteriori sfide critiche legate all’essere lavoratori migranti privi di documenti possono rappresentare un ostacolo al lavoro dichiarato, che si traduce in mancanza di riconoscimento, diritti e protezione, come riportato da un addetto alle pulizie PHS dei Paesi Bassi: “Sono privo di documenti in Olanda e il governo non non riconosco il mio lavoro qui, quindi non abbiamo benefici come il congedo per malattia retribuito”.
Gli utenti del servizio e gli utenti-datori di lavoro hanno sottolineato all’unanimità il senso del “disastro” che li attenderebbe se non avessero più accesso ai lavoratori SPF per le loro case .
Alcuni di coloro che hanno operatori sanitari PHS nelle loro case hanno affermato che non avrebbero altra scelta se non quella di trasferire i genitori e altre persone care in una residenza assistita e fuori dalle loro case. Allo stesso modo, molte donne che ricevono servizi SPF a domicilio hanno condiviso la consapevolezza che, senza l’aiuto di questi operatori, vedrebbero le loro opportunità di carriera più limitate e la loro qualità di vita ridotta.
Il lavoro sommerso è una piaga del settore SPF: sebbene difficile da misurare, i risultati dell’indagine suggeriscono che la mancanza di regolamentazione, contrattazione collettiva e sostegno da parte del governo porta a un rischio maggiore di lavoro sommerso nel settore SPF. A questo proposito, le organizzazioni fornitrici e gli utenti dei servizi concordano sulla motivazione percepita dietro il lavoro sommerso.
Il 66,2% delle aziende fornitrici di SPF intervistate ha individuato nel “costo del lavoro più elevato derivante dal lavoro dichiarato” un fattore chiave del lavoro non dichiarato.
Il segretario regionale di UNI Europa, Oliver Roethig, ha dichiarato : “Gli operatori dell’assistenza domiciliare e dei SPF hanno un ruolo essenziale nel sostenere la vita e nel plasmare il futuro della società europea. Tuttavia, la nostra indagine mostra che troppo spesso rimangono sottovalutati e non ricevono il riconoscimento che meritano. Ciò può essere cambiato solo attraverso un forte dialogo sociale e una contrattazione collettiva a tutti i livelli per migliorare le retribuzioni e le condizioni dei lavoratori in tutta Europa. Come parti sociali europee dei SPF, oggi riaffermiamo il nostro impegno comune verso un maggiore riconoscimento dei lavoratori e dei settori dei SPF in Europa: questo studio è una prova che le attività delle parti sociali dei SPF avranno bisogno di sostegno e finanziamenti negli anni a venire”.
Il segretario generale dell’EFFAT Kristjan Bragason ha dichiarato : “L’esercizio di questo sondaggio è una dimostrazione fondamentale dell’impegno di tutte le parti sociali del PHS per aumentare il riconoscimento del settore. Dopotutto, il lavoro domestico rappresenta il 4% dell’occupazione nell’UE. È giunto il momento che venga riconosciuto come qualsiasi altro settore dell’economia, governato da relazioni industriali valide e condizioni di lavoro dignitose. Lavoratori e datori di lavoro concordano: rafforzare il dialogo sociale e la contrattazione collettiva è la strada da seguire e siamo sulla strada giusta”.
La presidente dell’EFSI, Delphine Chilese-Lemarinier, ha dichiarato : “Il PHS Employment Monitor dà corpo alle realtà e alle sfide ben note del nostro settore, che fino ad ora erano impossibili da quantificare a livello europeo. Apre la strada a un lavoro congiunto verso azioni comuni e coordinate per garantire la sostenibilità del settore a beneficio di tutti: lavoratori, datori di lavoro e beneficiari dei servizi. I risultati del rapporto sono in linea con l’impegno a lungo termine del FEIS di perseguire un dialogo sociale strutturato e più forte per garantire ai lavoratori SPF e ai datori di lavoro il sostegno che meritano e farli uscire dall’ombra.”
La delegata generale dell’EFFE, Aude Boisseuil: “Come rivela il nostro sondaggio, il settore dell’assistenza domestica e domiciliare si trova in un momento critico, affrontando sfide senza precedenti, esacerbate da retribuzioni persistentemente basse e condizioni di lavoro impegnative. È necessaria un’azione urgente per garantire la sostenibilità e la vitalità di questo settore essenziale, che svolge un ruolo fondamentale nel sostenere le nostre comunità e nel rispondere ai bisogni di una popolazione che invecchia. Un dialogo sociale forte, che coinvolga sia i lavoratori che i datori di lavoro domestici, è fondamentale. È tempo che le parti interessate di tutta Europa si uniscano, si impegnino in un dialogo significativo e attuino riforme che diano priorità al benessere dei lavoratori e alla qualità dell’assistenza fornita a coloro che ne dipendono”.

Rispondi